L’adozione

Adamo ed Eva erano le creature di Dio.
Per la disobbedienza persero questa relazione. (Rm 3:12; Rm 5:20; Ef 2:1,3; 1 Gv 3:10).
Ma Dio non intendeva essere in tal modo privato delle sue creature.
Il sangue del Suo stesso Figlio fu il prezzo pagato per la nostra redenzione, (RM 5:8; 1 Cor 6:20; 1 Cor 7:23)e tutti coloro che lo vogliono possono ora essere adottati nella Sua felice famiglia (Rm 5:14-17; 1 Gv 3:1).
Che ai figli del maligno dovesse venire offerto questo glorioso privilegio, al prezzo di un cosi grande sacrificio, è una delle meraviglie della bontà e misericordia di Dio.
Questi fatti sollevano una moltitudine di pensieri:
1. La bontà e misericordia di Dio, paragonata all’ingratitudine e all’indegnità umane, dovrebbero distruggere tutto il nostro orgoglio, ed umiliarci sempre sotto la potente mano di Dio.
2. Tutto quel che siamo, e tutto quel che abbiamo, appartiene a Dio, e noi dovremmo avere l’unico scopo di renderGli un fedel servizio tutti i nostri giorni.
3. Quali figli del Re Celeste, dovremmo riflettere nella nostra vita l’immagine di nostro Padre, avendo cura di camminare nel modo che si conviene a figli di Dio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *